I Misteri Nascosti del Numero/Equilibrium 72

Ultimamente il numero 72 é comparso molto spesso nei vari corsi in Taiwan e in Malesia, innescando un interrogatorio personale interiore riguardo il suo significato e il messaggio che porta.

Il nome ebraico di Dio YHWH
Il nome ebraico di Dio YHWH

Non molte persone sanno che il 72 é un numero molto importante in tutta l’esistenza per diverse ragioni. La prima e principale é perché si riferisce ai 72 Nomi di Dio, i nomi degli angeli, e anche perché può essere rinvenuto nel nome ebraico di Dio, YHWH.

I 72 nomi divini derivano dalla somma delle lettere del Tetragramma Sacro poiché ognuna di esse può essere vista come quattro sipari che nascondono i quattro mondi della Kabbalah. Secondo la tradizione la Kabbalah, o Albero della Vita, era una mappa donata all’uomo da Dio per assisterlo nel suo viaggio di ritorno ad uno stato di Unità con tutta la creazione: una mappa della consapevolezza che descrive la trasformazione/trasmutazione interiore di coscienza che ognuno di noi deve sperimentare per spostarsi dalla personalità all’anima e dall’anima all’unità con lo Spirito.

foto 1[11]Il Tetragramma può essere suddiviso nei nodi costitutivi delle sue quattro lettere, ottenendone ventiquattro sfere che esprimono la Trinità. Ognuna di esse possiede un valore trinitario che riflette l’energia delle sfere che compongono il Triangolo Superno dell’Albero della Vita, che sottintende tutta la creazione: Kether, la Corona, Chokmah, la Saggezza, Binah, la Comprensione.
24 (sfere) x 3 (Trinità) = 72

Il Tetragramma, quando si rivela, é scritto dentro di noi dai 72 nomi, derivati dai 24 nodi trinitari.

72 é anche 12 x 6, dove 12 é il numero che si relaziona alle dodici tribù di Israele e 6 é il numero associato al Sigillo di Salomone. Dodici sono anche i segni dello zodiaco, un ritratto della complessità dell’universo, mentre sei può essere relazionato al sesto giorno della creazione, ad esprimere la separazione tra Dio e l’umanità, poiché la creazione venne completata il settimo giorno.

Il Tetragramma
Il Tetragramma

Se osserviamo il 72 dal punto di vista numerologico, 2 é il numero del Raggio dell’Amore e della Saggezza, e 7 il Raggio della Magia e dell’Ordine Cerimoniale. Significa divenire un veicolo per l’espressione dell’amore divino. La magia é qualcosa che possiamo ottenere quando siamo in completo allineamento con la creazione, con il Piano divino. Più il sé inferiore diviene invisibile, più diventiamo un riflesso, uno specchio di quel piano. Il 7 rappresenta la fusione, fondere sopra e sotto, Cielo e Terra, in noi. Quando vi é una fusione i due ingredienti scompaiono, essi diventano uno nella soluzione che otteniamo: questo é il motivo per cui dobbiamo divenire invisibili.
Il Raggio 2 é l’Amore e l’Amore é l’unica energia che può innescare il processo alchemico. Amare significa accettazione del processo, accettazione della sensibilità che ne può derivare.

Equilibrium Aura-Soma 72
Equilibrium Aura-Soma 72

Nell’Aura-Soma colour-care system® la bottiglia Equilibrium numero 72, blu/arancione, si chiama Clown/Pagliacci. Il clown del teatro é un’arte molto antica, non semplice da attuare. Parte della formazione comprende un profondo lavoro interiore poiché all’artista viene chiesto di far cadere tutte le maschere e semplicemente ESSERE, essendo l’essere l’obiettivo in cui il clown, senza fare nulla, senza agire attivamente, ritorna ad uno stato di calma interiore da cui emerge naturalmente la performance.

All’attore viene richiesto di perdersi negli occhi del pubblico e, come vi riesce, il cielo e la terra si riuniscono. Improvvisamente egli si ritrova nella vastità dell’oceano e in esso fluisce, seguendone il flusso.

Il clown é l’anti eroe che gioca con le sfide dell’esistenza, con la nostra fragilità e con le debolezze umane, come nell’opera italiana Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, ancora ampiamente rappresentata in tutto il mondo.

Libretto originale di Pagliacci
Libretto originale di Pagliacci

Pagliacci venne inscenata in anteprima mondiale al Teatro Dal Verme di Milano il 21 Maggio 1892, condotta da Arturo Toscanini; alla Royal Opera House a Covent Garden di Londra il 19 Maggio 1893; e un mese più tardi alla Grand Opera House di New York.

Quest’opera rappresenta la storia di Canio, che giunge con la sua compagnia di teatro in un piccolo villaggio del sud Italia per mettere in scena una commedia. Canio non può immaginare che sua moglie Nedda lo tradisce con Silvio, un contadino del luogo. Tonio, che ama Nedda, ma il cui amore non é ricambiato, informa Canio del tradimento della moglie. Canio scopre i due amanti mentre si stanno promettendo eterno amore, ma non riesce a vedere il volto di Silvio che fugge per non essere preso. Nel mezzo di tale situazione Canio non riesce ad avere il tempo di reagire poiché un membro della compagnia di teatro viene a chiamarlo in quanto la commedia sta per iniziare e il pubblico sta aspettando.

Così Canio deve indossare gli abiti e mettere il trucco per poter recitare il ruolo di un Pagliaccio (clown) che viene tradito dalla propria sposa, Colombina, interpretata da sua moglie Nedda. Realtà e finzione diventano uno e durante la commedia Canio uccide sia la moglie che il suo amante, venutole in soccorso. Solo troppo tardi il pubblico realizza quello che é appena accaduto non é finzione, ma realtà.

DNAVi é sempre un clown triste in noi, se veniamo intrappolati nelle emozioni che derivano dagli schemi condizionati del patrimonio genetico (l’arancione rappresenta il DNA/RNA, il ristabilire la linea del tempo). Il potere delle emozioni é tale da poter cambiare il nostro DNA.

In ognuno di noi esiste un’incredibile possibilità di pace, il blu, la possibilità di distaccarci dalle identità emotive che giocano molti ruoli sul nostro palcoscenico interiore. Se focalizziamo la nostra attenzione, la nostra concentrazione sul distacco – il rosso contenuto nell’arancione – possiamo trovare la pace mentale e un senso di accettazione di quello che é.

La bottiglia Equilibrium Aura-Soma 72 contiene la bottiglia 20, il Bambino delle Stelle, blu/rosa. Ognuno di noi é un bambino che viene dalle stelle, ognuno di noi é qui per realizzare la propria missione e il proprio proposito. Le diverse parti che recitiamo sul palcoscenico interiore sono solo parti, la più grande guida, l’anima, é dentro di noi, che aspetta semplicemente di essere riconosciuta.

“In quel mentre i discepoli s’accostarono a Gesù, dicendo: Chi è dunque il maggiore nel regno dei cieli? Ed egli, chiamato a sé un piccolo fanciullo, lo pose in mezzo a loro e disse: In verità io vi dico: Dovete cambiare e divenire come i piccoli fanciulli {nei vostri cuori}. Se non lo farete, non entrerete punto nel regno dei cieli. Il più grande (più importante) nel regno dei cieli é colui che diverrà umile come questi bambini”. Matteo 18-1-14

L’affermazione della bottiglia Equilibrium Aura-Soma numero 72 é: Onoro il bambino che é in me e so che questo bambino può entrare nel regno dei Cieli.
Il nostro unico scopo é di risvegliarci al Divino interiore e manifestarlo attraverso di noi.

inner child

Similar Posts

Lascia un commento

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in it.blog.cristianacaria.com acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi